ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/1108

Issue Date: 9-Mar-2012
Authors: Basile, Graziano
Title: Analisi teorico sperimentale di materiali iperelastici
Abstract: Il presente lavoro è incentrato sulla caratterizzazione di materiali a comportamento Iperelastico, e quindi volto alla determinazione dei parametri della funzione energia di deformazione. Per la realizzazione delle prove meccaniche, sono stati progettati e realizzati i sistemi di test di tipo planare, utilizzati anche per prove monoassiali, e di un opportuno sistema per test biassiali. I sistemi permettono in maniera agevole la realizzazione dei test necessari e passare in maniera veloce da un set-up ad un altro. Per l impossibilità di poter applicare le tecniche di estensimetria di contatto, per via delle grandi deformazioni in gioco, è presentata una metodologia di rilievo mediante l utilizzo di una camera CCD ad alta risoluzione ed una procedura automatica di post elaborazione e sincronizzazione dei dati provenienti dalla prova mediante l utilizzo dei software Labview® e Matlab®. Il sistema misuristico messo a punto ha dato ottimi risultati e la perfetta sovrapposizione delle curve sforzo-deformazione ottenute con le curve provenienti dalla macchina di prova, nel caso di prove monoassiali e planari, mostrando la bontà della procedura e l applicabilità sui test biassiali dove non è possibile effettuare un confronto diretto con i dati provenienti dalla macchina monoassiale. Il materiale utilizzato al raggiungimento dello scopo è un silicone commerciale, prodotto dalla Angst + Pfister, con sigla VMQ. Infine, ottenute le curve caratteristiche, quindi caratterizzato il materiale secondo il miglior fit con i modelli disponibili in letteratura, è stata verificata la rispondenza del modello con l analisi numerica agli elementi finiti. È stato anche proposto un metodo iterativo basato sull analisi dell immagine e analisi numeriche agli elementi finiti per l identificazione della componente volumetrica. Concludendo, il presente lavoro non ha avuto come unico obiettivo quello di testare un materiale a comportamento non lineare, ma anche quello di realizzare in maniera semplice ed accessibile una metodologia di test soprattutto nel caso bi-assiale e nel contempo capire e darne il giusto peso al termine volumetrico nei modelli di energia di deformazione.
Appears in Collections:Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
BSLGZN80D22F258B-tesi Dottorato BG.pdfTesi Dottorato Basile Graziano8,18 MBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.