ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 08 - Ingegneria civile e architettura >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/142

Issue Date: 3-May-2011
Authors: Mangione, Vincenzo
Title: Analisi grafica del progetto di Paolo Labisi per i padri crociferi di Noto
Abstract: La tesi, ha l'obiettivo di mostrare, oltre le riproduzioni fotografiche dei disegni, un'analisi critica del capolavoro eseguito da uno degli architetti piu' importanti del Settecento in Sicilia. Tale fama viene oggi cosi' attribuita ad un personaggio dalla complessa personalita', unicamente per la straordinaria collezione esistente dei suoi disegni rispetto a quello che egli ha realmente costruito. Ogni singolo tratto riportato sulla carta, cosi' come i fori della punta del suo compasso ci raccontano la storia di questo travagliato progetto. Non e' facile con gli occhi di un architetto del XXI secolo comprendere i disegni rappresentati da Labisi e allo stesso tempo trovare le giustificazioni alle incongruenze che si riscontrano tra essi. Differente e' indubbiamente l'atteggiamento nei confronti della progettazione. Oggi le rappresentazioni bidimensionali di pianta, prospetto e sezione stanno sempre piu' diventando il risultato meccanizzato di una progettazione svolta su uno spazio tridimensionale. Analizzando con attenzione i disegni si e' compreso che la successione con cui le tavole sono state ordinate dallo stesso autore non corrisponde cronologicamente alla loro stesura. Deduzione scaturita dalla presenza di numerose incongruenze riscontrate nelle rappresentazioni. In un primo momento queste sono state giudicate inesattezze commesse dal progettista, ma dopo una piu' attenta analisi si comprende che le rappresentazioni sono state realizzate cronologicamente in momenti diversi e le incongruenze sono risultate modifiche in risposta a nuove esigenze della committenza. Per comprendere meglio in quale contesto l'architetto avrebbe dovuto operare, e' stato indispensabile studiare la condizione socio-culturale di Noto negli anni successivi il 1693. L'attenzione si e' concentrata sui disegni, che sono stati fotografati, digitalizzati, analizzati in ogni loro dettaglio e incrociati tra di loro per cercare di comprenderne le relazioni e verificarne i contenuti. La ricerca ha proseguito con un'indagine storica e geometrica sull'esistente. La campagna di rilievo e' stata condotta, unicamente, al fine di riprodurre le rappresentazioni secondo l'ordine messo in atto dallo stesso Labisi. Il successivo confronto tra il progetto e il rilievo, ha permesso di comprendere quanto di cio' che e' stato realizzato coincida con quello che era stato rappresentato per questo motivo i disegni durante tutta la ricerca sono sempre stati il baricentro dell'indagine. Su di essi si e' cercato, infatti, il riscontro delle informazioni scaturite dalle numerose letture o dalle ricerche d'archivio. Sommariamente il risultato delle analisi condotte, ha concluso che l'edificio oggi sito in via Bovio propone solo in parte l'idea che Labisi aveva delineato nel 1750.
The thesis has the intention to show that beyond the photographic reproduction of the drawings, there's a critique analysis realized by one of the most important architects of the 18th century in Sicily. Such fame is granted to an intricated personality, entirely for the existing extraordinary collection of his drawings in respect of what he has actually produced . Each single stroke as well as the borehole of his compass relate the story of his difficult project. It is not easy for an architect of the 21st century to understand the drawings represented by Labisi and at the same time to find the explanation of the discrepancies that can be verified between the two. The attitude is undoubtedly different as regards the project. Nowadays the two dimensional representation of the layout, prospect and section are becoming moreover a mechanized result of a project based on a tridimensional space. Analyzing the drawings carefully is easily comprehensible that the succession of the plates which have been ordered by the same author do not correspond chronologically to their draft. This deduction has originated from the numerous discrepancies verified in the representation. At first they have been judged as imprecisions accomplished by the designer, but after an accurate analysis one can understand that the discrepancies have been modified as a result of new clients demands. To understand better in which context the architect had to work, it was essential to study the socio-cultural condition of Noto in the following years of 1693. The attention is contracted on the drawings which have been photographed, digitalized, analyzed in every detail and intersected to try to understand the relationship and verify the contents. The survey has proceeded with a historical and geometrical research on the existing factors. The campaign has been carried out solely to reproduce the representation according to the order applied by Labisi. The subsequent comparison between the project and the survey has enabled to understand that what has been represented, in fact during the research the drawings have been the barycentre of the survey. In fact they have been the confirmation of the information originated from the numerous interpretations. In brief the result of the analysis which have been executed, has come to a conclusion that the buildings in Via Bovio proposes only in part the idea that Labisi has outlined in 1750.
Appears in Collections:Area 08 - Ingegneria civile e architettura

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
TESI DI DOTTORATO IN TEORIA E STORIA DELLA RAPPRESENTAZIONE DI VINCENZO MANGIONE.pdf31,28 MBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.