ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 06 - Scienze mediche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/1577

Issue Date: 10-Mar-2014
Authors: Malandrino, Pasqualino
Title: Il cancro tiroideo in Sicilia: rischio ambientale vulcanico
Abstract: Introduzione: L'aumentata incidenza del cancro tiroideo in diverse aree vulcaniche suggerisce una potenziale relazione tra l'ambiente e la contaminazione dei residenti con sostanze chimiche vulcaniche che hanno un effetto cancerogeno sulla tiroide. Disegno dello studio: abbiamo sviluppato tre fasi: 1) studio epidemiologico: paragone dell incidenza del cancro tiroideo nell area vulcanica dell Etna con quella di un area di controllo non vulcanica.; 2) studio ambientale: paragone delle concentrazioni di metalli pesanti e oligoelementi nelle acque del sistema acquifero dell Etna e dell area di controllo non vulcanica in Sicilia; 3) studio biologico: paragone delle concentrazioni di metalli pesanti e oligoelementi nelle urine dei residenti nell area vulcanica e dell area di controllo in Sicilia. Metodi: i dati di epidemiologia del cancro tiroideo sono stati estrapolati dal Registro Regionale Siciliano per il Cancro della Tiroide (periodo 2002-2006). In totale, 34 oligoelementi sono stati misurati nelle acque e nelle urine di 278 adulti residenti nell area vulcanica (n = 140 ) e nell area di controllo (n = 138). Risultati: l'incidenza del cancro tiroideo era superiore nella zona vulcanica (tasso di incidenza standardizzato per l età della popolazione mondiale= 18.5/105 vs 9.6/105 nella zona di controllo). Tale differenza era esclusivamente sostenuta da una maggiore incidenza di cancro tiroideo di istotipo papillare. Nella zona vulcanica i tumori erano più frequentemente multifocali e con estensione extratiroidea (p < 0.01). Gli elementi studiati sono stati trovati ad una concentrazione significativamente maggiore sia nelle acque che nelle urine dei residenti nell area vulcanica, suggerendo la possibilità di una biocontaminazione. In quest area le concentrazioni urinarie di Boro, Molibdeno, Tungsteno e Palladio erano superiori ai valori di riferimento per l Italia in oltre il 20% dei campioni analizzati. Conclusioni: nell area vulcanica dell Etna, caratterizzata da un elevata incidenza di cancro tiroideo, le concentrazioni di diversi oligoelementi e metalli pesanti sono significativamente aumentate nelle acque e nelle urine dei residenti. Questa associazione è compatibile (ma non dimostra) con una relazione di causa - effetto tra una o più di queste sostanze chimiche di origine vulcanica e il cancro tiroideo.
Appears in Collections:Area 06 - Scienze mediche

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
MLNPQL78R14I754H-Tesi dottorato_Malandrino.pdfTesi dottorato Dott. Malandrino Pasqualino603,58 kBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.