ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/264

Issue Date: 5-May-2011
Authors: Vecchio, Grazia Venera
Title: Il paesaggio nell'era della globalizzazione
Abstract: Il paesaggio, inteso sia dal punto di vista oggettivo che soggettivo, come manifestazione di strutture visibili e invisibili, negli ultimi decenni e' stato fortemente influenzato dagli effetti della globalizzazione che ha rivoluzionato la dimensione spazio-temporale, creando un nuovo modo di abitare la terra. Al fine di evidenziare in che modo il paesaggio e le sue teorie e rappresentazioni siano mutati sotto la spinta dei processi dell'attuale fase storica, nel presente lavoro dopo aver introdotto una griglia terminologica di riferimento si e' passati a indagare l'evoluzione del rapporto uomo e natura, a partire dalle creazioni mitiche fino all'ecologia del paesaggio. Il mutare dei paesaggi, da quello agrario a quello metropolitano, e' pero' nel contempo anche espressione di una societa' e della sua cultura per cui si esaminano i mutamenti delle strutture simboliche e semiotiche del paesaggio e la loro trasposizione nelle produzioni artistiche, per poi focalizzarsi sui mutamenti del paesaggio urbano, che viene considerato come quello in cui piu' la globalizzazione ha espresso le sue peculiarita', in direzione di una spazialita'  urbana diffusa. Alla luce di queste riflessioni infine si enucleano i tratti del paesaggio globale della post-modernita' analizzando alcune delle sue forme piu' specifiche, a cominciare dai non-luoghi e dalle eterotopie fino allo sprawl e al Terzo paesaggio.
In the last decades, landscape, intended both from the objective and subjective point of view as a manifestation of visible and invisible structures, has been greatly influenced by the effects of the globalization which has revolutionized the space-time dimension, thus creating a new way of dwelling on earth. With the aim of highlighting how landscape, its theories and representations have changed under the impulse of the processes of the current historic phase, in this paper after having introduced a reference terminology grid we passed on to inquire into the evolution of the relationship between man and nature, beginning from the mythical creations to landscape ecology. As the changing of landscapes, from the agrarian to the metropolitan one, is however at the same time also an expression of a society and its culture, here we first analyze the changes of the symbolic and semeiotic structures of landscape and their transposition in artistic works, to focus afterwards on the changes of the urban landscape, which is considered the one in which globalization has most expressed its peculiarity, in the direction of a diffuse urban spatiality. Finally, in the light of such reflections, the features of the post-modernity global landscape will be enucleated by analyzing some of its most specific types, beginning with the non-lieux and heterotopies until sprawl and Third Landscape.
Appears in Collections:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
tesi vecchio.pdf659,33 kBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.