ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 14 - Scienze politiche e sociali >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/303

Issue Date: 6-May-2011
Authors: Sirena, Concetta
Title: Le elites urbane di Siracusa e Noto Sistemi locali e nuova politica nell'Ottocento borbonico
Abstract: Il lavoro analizza il rinnovamento che attraversa la societa' dopo lo spartiacque della Rivoluzione francese in una realta' periferica, la Sicilia Sud Orientale, rispetto ai centri propulsori dell'economia capitalistica. Sullo sfondo della nuova politica, con la riforma amministrativa borbonica del 1817 per la prima volta le nascenti borghesie di Noto e Siracusa emergono scena pubblica, partecipano alle gestione del potere locale e alla distribuzione di impieghi pubblici. Si aprono nuove opportunita' dalla modifica delle gerarchie territoriali: cosi', le elites delle due citta' intraprendono una gara municipalistica, lontana dai vecchi localismi d' Ancien Regime, ma si auto-rappresentano verso il potere centrale utilizzando forme e linguaggi moderni innestati dalle riforme borboniche. Sono molti i nobili e i borghesi che assumono un ruolo dinamico anche nell'economia, affrontando investimenti per piantare le lucrose colture votate all'esportazione, come vite e in misura minore gli agrumi. La risorsa della provincia e' il vino, che, stipato su piccole imbarcazioni, parte dai numerosi porti e rade del lungo litorale sudorientale prendendo la via di Malta, d©p´t del commercio internazionale inglese. Il censo sostituisce il criterio ascrittivo della nobilta' logorando le barriere dei confini sociali e le regole della stratificazione, stimolando la nascita di nuove forme di sociabilita' delle elites. Nella provincia, caffe', case di conversazione e gabinetti letterari sono i luoghi in cui i notabili dei paesi imbastiscono reti sociali, e, tra una partita a carte e un bicchiere di rosolio, concludono affari e parlano di politica, ma a voce bassa per sfuggire ai controlli di polizia. Il brusio alza il tono durante gli eventi rivoluzionari che costellano il XIX secolo, 1820-21, 1837, 1848 e 1860. Cospirazioni, rivolte e insorgenze si sono rivelate un punto di osservazione privilegiato per studiare come le classi dirigenti delle due citta' si compongono e ricompongono e dimostrazione di quanto la Sicilia dell'Ottocento borbonico non sia affatto "immobile".
Appears in Collections:Area 14 - Scienze politiche e sociali

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
C. Sirena Le elites urbane di Siracusa e Noto Sistemi locali e nuova politica nell'Ottocento borbonico.pdf2,11 MBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.