ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 06 - Scienze mediche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/304

Issue Date: 6-May-2011
Authors: Bonaccorso, Claudia
Title: Multi-patogenicità di Chlamydophila pneumoniae
Abstract: Il ruolo di Chlamydophila pneumoniae nella eziopatogenesi delle infezioni sia delle alte che della basse vie respiratorie e'ampiamente dimostrato, specialmente nella eta' pediatrica. Minori riscontri epidemiologici sembrano interessare le infezioni delle alte vie respiratorie nell'adulto. Piu' recentemente, C. pneumoniae e' stata coinvolta nella eziopatogenesi di numerose patologie, come aterosclerosi, asma, sclerosi multipla e morbo di Alzheimer. Il presente studio ha voluto focalizzare, mediante due distinti percorsi sperimentali, il ruolo eziologico di C. pneumoniae nelle faringotonsilliti dell'adulto e nella progressione dei processi aterosclerotici che colpiscono le arterie periferiche (PAD-Peripheral Artery Diseases). Nel primo caso e' stata valutata la frequenza di isolamento di C. pneumoniae in tamponi faringei utilizzando differenti metodiche diagnostiche. A tale scopo sono stati analizzati 94 tamponi faringei provenienti da pazienti a cui era stata diagnosticata una faringotonsillite acuta. La presenza delle inclusioni clamidiali in colture cellulari e' stata valutata mediante colorazione di Giemsa e MAb-IFA. La presenza di DNA clamidiale e' stata ricercata mediante tre differenti PCR, una single step ed una nested PCR aventi come target il gene codificante 16S rRNA, ed una nested PCR, avente come target il gene codificante la proteina di membrana ompA. La percentuale di isolamento colturale di C.pneumoniae da tampone faringeo e' risultata pari al 15.95% (15/94) con la colorazione di Giemsa e all'11.70% (11/94) con MAb-IFA. La 16S rRNA nested PCR ha dato una percentuale di positivita' pari al 12.76% (12/94), mentre solo 2 campioni sono risultati positivi anche alla PCR single-step; infine, la percentuale di positivita' riscontrata con la ompA nested PCR e' stata del 4.26% (4/94). I nostri dati indicano una diffusione di C. pneumoniae negli adulti affetti da faringotonsilliti pari a circa il 13%, di cui bisognerebbe tener conto in corso di trattamento terapeutico. In relazione all'aterosclerosi e' stata invece effettuata un'indagine di natura siero-epidemiologica sulla presenza di anticorpi anti- C. pneumoniae, con relativa valutazione del titolo, in soggetti affetti da PAD ed in soggetti a rischio di CVD (Cardiovascular Diseases), il cui profilo sierologico e'stato messo a confronto con quello di soggetti sani. Oggetto dell'indagine sono stati 240 prelievi provenienti da 80 soggetti affetti da PAD, 80 a rischio di sviluppo di patologie cardiovascolari e 80 soggetti sani. La diagnosi di PAD dei soggetti arruolati per questo studio e' avvenuta in base alla valutazione dell'indice ABI (Ankle Brachial Index ) che mostrava un valore < 0.9, ed esame eco-doppler I soggetti a rischio di sviluppo di CVD presentavano un ABI >0.9 e fattori di rischio generici come ipertensione arteriosa, iperlipidemia ed abitudine al fumo. Sono stati ricercati e valutati i titoli degli anticorpi specifici IgG, IgM, IgA anti-C. pneumoniae mediante microimmunofluorescenza (Micro-IF test). I risultati hanno dimostrato una piu' elevata frequenza di sieropositivita' da C. pneumoniae in soggetti con PAD (55%) rispetto a quelli a rischio di CVD (42.58%), contro i soggetti di controllo (30%). I soggetti con PAD e quelli a rischio CVD presentavano titoli di IgG ed IgA piu' elevati rispetto ai controlli. Inoltre i soggetti a rischio di CVD presentavano una frequenza di titoli di IgA rilevante rispetto ai soggetti con PAD spiegabile con la presenza di una infezione clamidiale persistente. Per questa ragione si ritiene di poter affermare che l'infezione da C. pneumoniae sia da considerare come un addizionale fattore di rischio nella patogenesi delle CVD.
Chamydophila pneumoniae has been implicated as a cause of acute respiratory tract infections, including pharyngotonsillitis, where the incidence among children has been well documented, while few epidemiological data are available in adults. C. pneumoniae is mainly recognized as a respiratory pathogen, but it has also been associated with other chronic diseases like atherosclerosis, asthma, multiple sclerosis and Alzheimerà à à ¢ s disease. Through two separate experimental studies, we wanted to focus on the role of C. pneumoniae in the onset of adultà à à ¢ s pharyngotonsillitis and in the progression of atherosclerosis. In the first study, we investigated 94 throat swabs collected from adults with clinical diagnosis of acute pharyngotonsillitis. The presence of chlamydial inclusions in cell cultures was evaluated by Giemsa staining and immunofluorescence test (IFA) using FITC-conjugated anti-C. pneumoniae MAb. The obtained data were compared with a conventional PCR targeting the 16S rRNA gene and two nested PCRs, targeting the 16S rRNA gene and the ompA gene respectively. The presence of chlamydial inclusions in cell cultures was observed in 15/94 (15.95%) by Giemsa staining and in 11/94 samples (11.70%) by IFA. C. pneumoniae DNA was detected in 12/94 (12.76%) specimens by the 16S rRNA gene nested PCR, 4/94 (4.26%) by ompA gene nested PCR and in 2/94 (2.13%) by 16S rRNA single step PCR. Our results indicate that the diffusion of C. pneumoniae in acute pharyngotonsillitis in adults is about 13%. In the second study, we have focused on the role of C. pneumoniae on atherosclerotic processes of subjects with PAD (Peripheral Arteriy Diseases). In order to compare the serological profiles of 160 patients, 80 with PAD, diagnosed with an ankle/brachial index (ABI)à à à ¢ à à à ¤0.9 and 80 with risk factors for cardiovascular disease (CVD), with those of 80 healthy subjects, serum levels of specific C. pneumoniae antibodies were measured by microimmunofluorescence test. Our results show that in patients with PAD there was a higher frequency of C. pneumoniae infection than in patients with risk factors for cardiovascular disease; furthermore, in control subjects this frequency was lower if compared to the previous two groups. In fact, 44 out of 80 (55%) patients with PAD and 34 out of the 80 (42.58%) subjects with risk factors for cardiovascular disease were seropositive while only 24 of the 80 (30%) healthy subjects showed seropositivity to C. pneumoniae. Furthermore, higher anticorpal titers were also found in patients with peripheral arterial disease and in patients with cardiovascular risk factors if compared to healthy subjects.
Appears in Collections:Area 06 - Scienze mediche

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
Frontespizio C.Bonaccorso.docFrontespizio21 kBMicrosoft WordView/Open
Tesi dottorato Claudia Bonaccorso.pdfTesi3,21 MBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.