ArchivIA Università degli Studi di Catania
 

ArchivIA - Archivio istituzionale dell'Universita' di Catania >
Tesi >
Tesi di dottorato >
Area 06 - Scienze mediche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10761/320

Issue Date: 31-May-2011
Authors: Alfano, Giovanni
Title: Il ruolo della linfadenectomia nel trattamento dei tumori del colon
Abstract: Il carcinoma del colon-retto rappresenta la seconda causa di morte cancro-correlata nei paesi occidentali. La chirurgia continua ad avere un ruolo fondamentale nel trattamento di questa neoplasia. L'obiettivo primario del trattamento chirurgico e' quello di garantire un adeguato margine di sezione longitudinale e radiale libero da malattia ma anche una clearance dei linfonodi locoregionali. Lo stato linfonodale rappresenta infatti un importante fattore predittivo di sopravvivenza. La presenza di linfonodi metastatici permette di identificare i pazienti, a piu' alto rischio, che possono beneficiare di un trattamento adiuvante. Un'adeguata valutazione linfonodale diventa indispensabile per la stadiazione e il trattamento. Il numero di linfonodi necessario per considerare la resezione chirurgica ottimale rappresenta ancora oggi un argomento controverso. Un minimo di 12 linfonodi negativi e' necessario per stadiare la malattia N0. Il numero dei linfonodi isolati ed esaminati e' tuttavia il risultato di una combinazione di diverse variabili ascrivibili al paziente, al tumore, al chirurgo e all'anatomopatologo. Per quanto riguarda il fattore chirurgo-dipendente, la letteratura scientifica sottolinea come una chirurgia standardizzata, fondata sulla mobilizzazione e dissezione accurata dei tessuti lungo i piani anatomo-embriologici, possa incrementare l'estensione della linfoadenectomia, l'accuratezza della stadiazione, ridurre il rischio di recidiva locale e influenzare la prognosi e la sopravvivenza. E' necessario ribadire che il trattamento della patologia neoplastica colo-rettale e' di tipo multidisciplinare ma l'impatto della modalita' di trattamento multidisciplinare e' ottimale qualora la chirurgia sia condotta con rigore metodologico e la linfoadenectomia oltre ad avere un ruolo in termine di stadiazione, una finalita' curativa intesa come radicalita' chirurgica da un lato e valutazione dello shift di stadio dall'altro, diventa anche un indicatore della qualita' del trattamento chirurgico.
Colorectal carcinoma is the second leading cause of cancer-related death in Western countries. Surgery continues to play a key role in the treatment of this cancer. The primary goal of the surgical treatment is to ensure an adequate margin of radial and longitudinal section free of disease but also a clearance of regional lymph nodes. In fact, the nodal status represents an important predictor of survival. The presence of metastatic lymph nodes can identify patients, at highest risk, who may benefit from an adjuvant treatment. An adequate lymph node evaluation is indispensable for the staging and treatment. The number of lymph nodes, which is necessary to consider the surgical resection optimal, is still a controversial topic. A minimum of 12 negative lymph nodes is necessary to stage the N0 disease. The number of lymph nodes isolated and examined, however, is the result of a combination of different variables attributable to the patient, the tumor, the surgeon and the pathologist. As for the surgeon-dependent factor, scientific literature emphasizes that a standardized surgery based on the mobilization and careful dissection of the tissues along the anatomical and embryological plans, may increase the extent of lymphadenectomy and the accuracy of staging, reduce the risk of local recurrence and influence the prognosis and survival. It must be emphasized that the treatment of colorectal carcinoma is multidisciplinary but the impact of multidisciplinary treatment modality is optimal if the surgical operation is conducted with methodological rigor and lymphadenectomy, besides having a role in terms of staging, a purpose intended as a curative radical surgery on the one hand and assessment of the shift in the level on the other, becomes also an indicator of the quality of the surgical treatment.
Appears in Collections:Area 06 - Scienze mediche

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
tesi dottorato.pdf7,83 MBAdobe PDFView/Open


Items in ArchivIA are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.